GIORNATA MONDIALE DEL TEATRO IN CARCERE

GIORNATA MONDIALE DEL TEATRO IN CARCERE

Pubblicato da Redazione Antenna 2 il giorno 23-03-2018   17:31:50
Glass Banne lungo

AVEZZANO - Il 27 marzo prossimo anche la Casa Circondariale a Custodia Attenuata di Avezzano onorerà, con una rappresentazione Teatrale, la 56^ Giornata Mondiale del Teatro e la quinta Giornata Nazionale del Teatro in Carcere.
Il teatro in carcere rappresenta un potente mezzo espressivo che promuove l’obiettivo della rieducazione e della risocializzazione per le persone detenute sviluppando possibilità di espressione creativa e di crescita personale con buoni effetti di stimolo nella conoscenza di Sé, nella capacità di affinare modalità di relazione adeguate, nello sviluppo di capacità di regolare le proprie emozioni.
La Casa Circondariale a Custodia Attenuata di Avezzano, grazie al prezioso apporto, gratuito e volontario, di persone della società esterna, gode della presenza laboratoriale presso la sede di due compagnie teatrali: una guidata dal regista Raffaele Donatelli, la Compagnia Teatrale “Je Concentramente” di Avezzano, afferente all’Associazione Culturale Madonna del Passo che si occupa di sviluppare in Istituto un tipo di teatro solidale e volto alla beneficenza; l’altra, la compagnia amatoriale locale “Le Beatici”, guidata da Assunta Gaetani che svolge, presso la sede, un teatro volto ad affinare modalità espressive e relazionali.
Il 27 marzo 2018 entrambe le compagnie si esibiranno: l’una esternamente all’Istituto, presso il Castello Orsini, l’altra in ambito intramurale, nelle rappresentazioni finali dei rispettivi laboratori teatrali sviluppati negli ultimi mesi presso l’Istituto con la partecipazione, in qualità di attori, tra gli altri, anche dei detenuti che ad essi si sono iscritti.
Presso il Castello Orsini di Avezzano, gentilmente e gratuitamente offerto dall’Amministrazione Comunale di Avezzano, si metterà in scena il teatro solidale con la rappresentazione “La Fortuna con l’effe maiuscola”, commedia in tre atti comici ripresi dalle opere di Eduardo De Filippo e Armando Curcio. La scena sarà composta da attori della Compagnia Teatrale “Je Concentramente di Avezzano”, da Operatori Penitenziari dell’Area Trattamentale, da persone detenute e da attori diversamente abili associati UNITALSI di Avezzano. La rappresentazione è aperta e dedicata ai ragazzi delle Scuole Secondarie Superiori di Avezzano e Scuole Primarie di secondo livello. La Direttrice della Casa Circondariale a Custodia Attenuata di Avezzano ha fortemente sostenuto la realizzazione delle esperienze teatrali quali mezzi per abbattere false credenze e pregiudizi.