Dislessia: la nuova Legge Regionale che premia le famiglie e avvicina le scuole

Dislessia: la nuova Legge Regionale che premia le famiglie e avvicina le scuole

Pubblicato da Gioia Chiostri il giorno 13-03-2016   07:07:01
Class, liste nozze - Avezzano, Via Corradini, 163
 

Abruzzo più aperto. Una nuova frontiera per la dislessia. Sensibilizzazio e prevenzione i due assi nella manica della nuova legge regionale a supporto delle famiglie. «La legge regionale approvata lo scorso autunno dal Consiglio regionale, consente di uniformare l'iter di attestazione della diagnosi di DSA sull'intero territorio, e di avviare azioni di prevenzione e supporto calibrate sulle reali necessità dei discenti, con successivi interventi pedagogici».

Lo ha affermato l'assessore regionale Progetti Speciali e Territoriali, Donato Di Matteo, intervenuto ieri mattina al convegno 'My Story testimonianze della vita dei giovani dislessici', organizzato dall'Associazione Italiana Dislessia, sezione di Pescara, e in fase di svolgimento presso l'Aurum.

«Sono molto vicino a questo mondo dopo aver affrontato per mesi l'iter di concertazione e approvazione della normativa. Questa - ha osservato l'assessore - è una legge che va a favore delle famiglie ed è utile per il percorso scolastico grazie all'inserimento delle attività di screening nelle scuole, utili per individuare casi sospetti di DSA, evitando gli errori del passato relativi ad una diagnosi approssimativa e che determinava falsi casi di DSA».

«La legge permette, altresì, ai docenti di effettuare la segnalazione di sospetto DSA alla famiglia, la quale poi si curerà di rivolgersi al servizio sanitario pubblico per avviare un percorso diagnostico. Non dimentica i soggetti con DSA in eta' adulta che a causa dell'assenza di validi percorsi diagnostici negli ultimi vent'anni, oggi, subiscono le conseguenze di un mancato intervento correttivo. Convegni come questi - ha concluso Di Matteo - hanno l'obiettivo di sensibilizzare e di formare sulle criticità legate ai DSA il personale scolastico, gli operatori socio-sanitari e le famiglie».